MINISTERO DELL'UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA


Modulo Proposta Anagrafe dei dottorati - a.a. 2020/2021
codice = DOT13C7312




1. Informazioni generali



Corso di Dottorato

Il corso è: Rinnovo  
Denominazione del corso SCIENZE DELLA VITA E BIOTECNOLOGIE  
Cambio Titolatura? NO  
Ciclo 36  
Data presunta di inizio del corso 01/11/2020  
Durata prevista 3 ANNI  
Dipartimento/Struttura scientifica proponente Biotecnologie e Scienze della Vita  
Dottorato in collaborazione con le imprese/dottorato industriale
(art. 11 del regolamento):
NO
[dato riportato in automatico dalla sezione "Tipo di Organizzazione"]
 
Dottorato in collaborazione con Università e/o enti di ricerca esteri
(art. 10 del regolamento):
NO
[dato riportato in automatico dalla sezione "Tipo di Organizzazione"]
 
Dottorato relativo alla partecipazione a bandi internazionali: NO  
se altra tipologia:
-
 
se SI, Descrizione tipo bando  
se SI, Esito valutazione  
Il corso fa parte di una Scuola? SI  
se SI quale SCUOLA DI DOTTORATO DELL'UNIVERSITA' DEGLI STUDI DELL'INSUBRIA  
Presenza di eventuali curricula? NO  
Sito web dove sia visibile l'offerta formativa prevista ed erogata http://www.dbsm.uninsubria.it/phdbbtc/ https://www.uninsubria.it/la-didattica/dottorati-di-ricerca  


AMBITO: indicare i settori scientifico disciplinari coerenti con gli obiettivi formativi del corso

n. Settori scientifico disciplinari interessati (SSD) Indicare il peso percentuale di ciascun SSD nel progetto scientifico del corso Settori concorsuali interessati Macrosettore concorsuale interessato Aree CUN-VQR interessate
1. BIO/05     %  8,00   ZOOLOGIA E ANTROPOLOGIA   05/B - BIOLOGIA ANIMALE E ANTROPOLOGIA  
05 - Scienze biologiche
 
2. BIO/06     %  8,00   ANATOMIA COMPARATA E CITOLOGIA   05/B - BIOLOGIA ANIMALE E ANTROPOLOGIA  
05 - Scienze biologiche
 
3. BIO/10     %  24,00   BIOCHIMICA GENERALE   05/E - BIOCHIMICA E BIOLOGIA MOLECOLARE SPERIMENTALI E CLINICHE  
05 - Scienze biologiche
 
4. BIO/16     %  4,00   ANATOMIA UMANA   05/H - ANATOMIA UMANA E ISTOLOGIA  
05 - Scienze biologiche
 
5. CHIM/11     %  4,00   CHIMICA E TECNOLOGIE FARMACEUTICHE, TOSSICOLOGICHE E NUTRACEUTICO-ALIMENTARI   03/D - FARMACEUTICO,TECNOLOGICO, ALIMENTARE  
03 - Scienze chimiche
 
6. AGR/20     %  4,00   SCIENZE E TECNOLOGIE ANIMALI   07/G - SCIENZE E TECNOLOGIE ANIMALI  
07 - Scienze agrarie e veterinarie
 
7. MED/22     %  8,00   CHIRURGIA CARDIO-TORACO-VASCOLARE   06/E - CLINICA CHIRURGICA SPECIALISTICA  
06 - Scienze mediche
 
8. MED/28     %  4,00   MALATTIE ODONTOSTOMATOLOGICHE   06/F - CLINICA CHIRURGICA INTEGRATA  
06 - Scienze mediche
 
9. MED/31     %  4,00   OTORINOLARINGOIATRIA E AUDIOLOGIA   06/F - CLINICA CHIRURGICA INTEGRATA  
06 - Scienze mediche
 
10. MED/03     %  4,00   GENETICA MEDICA   06/A - PATOLOGIA E DIAGNOSTICA DI LABORATORIO  
06 - Scienze mediche
 
11. BIO/04     %  8,00   FISIOLOGIA VEGETALE   05/A - BIOLOGIA VEGETALE  
05 - Scienze biologiche
 
12. BIO/18     %  8,00   GENETICA   05/I - GENETICA E MICROBIOLOGIA  
05 - Scienze biologiche
 
13. BIO/11     %  4,00   BIOLOGIA MOLECOLARE   05/E - BIOCHIMICA E BIOLOGIA MOLECOLARE SPERIMENTALI E CLINICHE  
05 - Scienze biologiche
 
14. BIO/19     %  4,00   MICROBIOLOGIA   05/I - GENETICA E MICROBIOLOGIA  
05 - Scienze biologiche
 
15. MED/30     %  4,00   MALATTIE APPARATO VISIVO   06/F - CLINICA CHIRURGICA INTEGRATA  
06 - Scienze mediche
 
  TOTALE    %  100,00          


Descrizione e obiettivi del corso

Il progetto formativo del Dottorato in Scienze della Vita Biotecnologie (DSVB) si inserisce tra le proposte di dottorati innovativi di tipo interdisciplinare: favorisce la sintesi di competenze da 4 aree CUN per l’avanzamento scientifico in ambiti di ricerca definiti. Il percorso didattico affronta le moderne tematiche delle Scienze della Vita promuovendo l’approccio molecolare e biotecnologico nello studio di problemi complessi utilizzando sistemi modello nei campi della biologia, biomedicina e (bio)chimica. Centrale nella formazione dei dottorandi è l’attività sperimentale e l’integrazione in progetti di ricerca. Il DSVB intende formare ricercatori altamente qualificati che possano integrarsi nella sperimentazione accademica e industriale, applicando le competenze derivanti sia da discipline di base biologiche (cellulari-molecolari) che applicative in ambito industriale e biomedico. I dottori di ricerca saranno capaci di organizzare e programmare la ricerca, analizzare e interpretare dati sperimentali, formulare e verificare ipotesi e comunicare i risultati ottenuti. Considerato l’approccio interdisciplinare delle tematiche affrontate viene proposto un percorso formativo che prevede attività didattiche comuni a tutti i dottorandi, che poi si differenzia nello sviluppo di progetti di ricerca. Obiettivo importante è l’internazionalizzazione, attraverso il coinvolgimento di docenti stranieri e soggiorni di studio e di ricerca all’estero, fortemente consigliati ai dottorandi.


Sbocchi occupazionali e professionali previsti

Impiego nei settori delle Biotecnologie: Industriali, Farmaceutiche, Nutraceutiche, Vegetali, Biomediche, Zootecniche e Acquacolture; nel settore delle Analisi mediche ed ambulatoriali, Brevettuale e Commerciale, Strumentazione scientifica, Controllo qualità.
Professioni:
- Ricercatori in ambito pubblico e privato, per ruoli di ricerca/gestione di produzioni bioindustriali e di trasformazione, dell’industria biotecnologica diagnostica, chimica, ambientale, agro-alimentare, zootecnica, farmaceutica;
- Esperti nell’ambito della proprietà intellettuale/industriale e valutazione di contratti di licenza per tecnologie biotecnologiche;
- Professionisti in attività professionale privata ed imprenditori di aziende biotecnologiche, per gestire prodotti e processi biotecnologici;
- Esperti nella Comunicazione della Scienza, nell’ambito commerciale;
- Docenti in scuole ed enti di alta formazione.
Codifiche ISTAT: Biologi e professioni assimilate (2.3.1.1.1); Biochimici (2.3.1.1.2); Biofisici (2.3.1.1.3); Biotecnologi (2.3.1.1.4); Botanici (2.3.1.1.5); Zoologi - (2.3.1.1.6); Microbiologi (2.3.1.2.2); Ricercatori e tecnici laureati nelle scienze biologiche (2.6.2.2.1); Ricercatori e tecnici laureati nelle scienze mediche (2.6.2.2.3); Specialisti in terapie mediche (2.4.1.2.0); Docenti universitari scienze mediche (2.6.1.2.3); Zootecnici (3.2.2.2.0).


Sede amministrativa

Ateneo Proponente: Università degli Studi INSUBRIA Varese-Como  
N° di borse finanziate 7  
Sede Didattica Varese  


Tipo di organizzazione

1) Singola Università
 


Note

(max 1.000 caratteri):
I docenti del Collegio appartengono a 4 aree CUN diverse. Il progetto formativo del DSVB integra aree scientifiche e di ricerca consolidate in Ateneo (nelle biotecnologie industriali e agroalimentari, come in quelle mediche e farmaceutiche), con un approccio metodologico comune basato sull’approfondimento dei processi molecolari e cellulari. Questo consente lo sviluppo di un percorso formativo avanzato, non solo in prospettiva accademica, ma anche coerente con le richieste del mercato del lavoro nel settore delle biotecnologie che richiede figure con competenze multisettoriali: il 49% delle aziende italiane appartengono all’area della Salute Umana, il 12% all’area Genomica-Proteomica, il 30% all’area delle biotecnologie per l’industria e l’ambiente, il 9% all’area delle biotecnologie per l’agricoltura e la zootecnia. Il settore biotecnologico presenta una costante crescita in termini di occupati, numero di imprese e fatturato (Rapporto BIoInItaly2020, Assobiotec).


2. Collegio dei docenti



Coordinatore

Cognome Nome Ateneo Proponente: Dipartimento/ Struttura Qualifica Settore concorsuale Area CUN-VQR
SACCHI   Silvia   INSUBRIA   Biotecnologie e Scienze della Vita   Professore Associato (L. 240/10)   05/E2   5  


Curriculum del coordinatore

Formazione
Silvia Sacchi ha conseguito la laurea in Scienze Biologiche nel 1997, presso l’Università degli Studi di Milano e il Dottorato di Ricerca in Biologia Evoluzionistica e dello Sviluppo nel 2003, presso l’Università degli Studi dell’Insubria. Nel 2005 ha lavorato come post-doc fellow presso il presso il Laboratoire de Neurobiologie Cellulaire et Moléculaire, Istitute Fédératif de Neurobiologie Alfred Fessard (Gif-sur-Yvette, France) nell’equipe di Jean-Pierre Mothet. Ha sviluppato la propria attività di ricerca afferendo al Dipartimento di Biotecnologie e Scienze della Vita. Dal 2009 al 2017 è stata Ricercatore di Biochimica, e dal 2018 è Professore Associato di Biologia Molecolare, presso L’Università degli Studi dell’Insubria dove insegna Protein engineering and recombinant proteins per il Corso di laurea magistrale in Biotecnologie Molecolari e Industriale e Biologia Molecolare per il Corso di Laurea Triennale in Biotecnologie.

Incarichi
dal 2009 Silvia Sacchi è Tutor Didattico per gli studenti del Corso di Laurea Magistrale in Biotecnologie Molecolari e Industriali e dal 2015 al 2019 anche del Corso di laurea Triennale in Biotecnologie.
Dal 2014 al 2018 ha presieduto le commissioni dipartimentali Accoglienza e Tutorato e Stage.
Dal 2018 è membro della Commissione AiQua del Corso di laurea Triennale in Biotecnologie.
Dal 2020 è Coordinatore del Dottorato in Scienze della Vita e Biotecnologie.

Attività scientifica
Durante la sua attività di ricerca Silvia Sacchi si è occupata dello studio delle proprietà strutturali e funzionali di flavoossidasi attive sui D-amminoacidi. Ha sfruttato l’esperienza acquisita nelle tecniche di biologia molecolare, espressione di proteine ricombinanti e loro caratterizzazione nel campo delle biotecnologie, ingegnerizzando nuove attività enzimatiche attraverso metodi razionali e di “directed evolution”. Attualmente Silvia Sacchi sta studiando i meccanismi molecolari che nel cervello sono coinvolti nella regolazione del catabolismo dei neuromodulatori D-serina e D-aspartato, che agiscono rispettivamente da coagonista e da agonista alternativo dei recettori dell’N-metil-D-aspartato (NMDAr). Alterazioni nel metabolismo di queste molecole influiscono sulla funzionalità dei NMDAr e sono implicate in diverse patologie del sistema nervoso centrale, tra cui la schizofrenia, la malattia di Alzheimer e la SLA. L’esperienza acquisita le permette di combinare nei suoi studi, un approccio di tipo prettamente biochimico (esperimenti in vitro condotti su proteine ricombinanti), ad uno cellulare (attraverso indagini svolte in sistemi cellulari modello).

Pubblicazioni:
- 58 pubblicazioni peer-review su riviste internazionali; 6 pubblicazioni in testi scientifici; 76 comunicazioni a congressi. Ha presentato 11 comunicazioni a congressi nazionali e internazionali (in 6 di questi è stata invitata come oratore) è reviewer di 6 riviste internazionali peer-review.
- IF totale: 219; Citazioni: 2267; H factor: 25; H 10: 18 (verificato Scopus, Maggio 2020); Citazioni: 2907; H factor: 26; i10-index: 43 (verificato Google Scholar, Maggio 2020)
Relatore o correlatore di 30 tesi di Laurea (Triennale o Magistrale). Docente guida di 2 tesi di dottorato e referee per 9 tesi di dottorato, nazionali e internazionali.

Membro della Società Italiana di Biochimica e Biologia Molecolare (dal 2005);
Membro del Consorzio Interuniversitario per le Biotecnologie (CIB) (dal 2009);
Membro della Società Europea di Neurochimica (dal 2012);
Direttore del Centro di Ricerca Internazionale sui D-amino acidi (DAAIR), Insubrias Biopark, Gerenzano, Varese;
Referee per numerose riviste internazionali di biochimica e neuroscienze;
Relatore di numerose presentazioni orali a Congressi Nazionali ed Internazionali e di seminari scientifici presso Università e istituti di ricerca;
E' stata membro del comitato organizzatore di alcuni congressi nazionali ed internazionali (IDAR2017, SIB2006) e di una scuola post-laurea internazionale(2016: “Watching at the D side, Lake Como School of Advanced Studies). E’ stata inoltre responsabile a livello locale di 3 progetti di ricerca finanziati da enti istituzionali e fondazioni (MIUR, Fondazione Cariplo, FIIRV) e di progetti finanziati da aziende nazionali ed internazionali (ABR, Sepracore).



Qualificazione scientifica del coordinatore

1. avere diretto per almeno un triennio comitati editoriali o di redazione di riviste scientifiche di classe A (per i settori non bibliometrici) o presenti nelle banche dati WoS e Scopus (per i settori bibliometrici) NO    
2. avere svolto il coordinamento centrale di gruppi di ricerca e/o di progetti nazionali o internazionali competitivi SI   descrizione: (max (1.000 caratteri)
Dal 2008 al 2010 Coordinatore di Unità nell'ambito del progetto finanziato da Fondazione CARIPLO 2007
 
3. avere partecipato per almeno un triennio al Collegio dei docenti di un Dottorato di ricerca SI   descrizione: (max (1.000 caratteri)
Nel 2015/2016 (XXXI ciclo) Silvia Sacchi è membro del Collegio dei docenti del Dottorato in Biotecnologie, Bioscienze e Tecnologie chirurgiche; dal 2017/2018 (XXXIII ciclo), Dottorato in Scienze della Vita e Biotecnologie
 


Membri del collegio (Personale Docente e Ricercatori delle Università Italiane)

n. Cognome Nome Ateneo Dipartimento/ Struttura Ruolo Qualifica Settore concorsuale Area CUN-VQR SSD Stato conferma adesione
1. POLLEGIONI   Loredano   INSUBRIA   Biotecnologie e Scienze della Vita   Componente del gruppo dei 16   Professore Ordinario   05/E1   05 - Scienze biologiche   BIO/10   ha aderito  
2. RASPANTI   Mario   INSUBRIA   Medicina e Chirurgia   Componente del gruppo dei 16   Professore Ordinario   05/H1   05 - Scienze biologiche   BIO/16   ha aderito  
3. BERNARDINI   Giovanni   INSUBRIA   Biotecnologie e Scienze della Vita   Componente del gruppo dei 16   Professore Ordinario   05/B2   05 - Scienze biologiche   BIO/06   ha aderito  
4. TETTAMANTI   Gianluca   INSUBRIA   Biotecnologie e Scienze della Vita   Componente del gruppo dei 16   Professore Associato confermato   05/B1   05 - Scienze biologiche   BIO/05   ha aderito  
5. TEROVA   Genciana   INSUBRIA   Biotecnologie e Scienze della Vita   Componente del gruppo dei 16   Professore Associato (L. 240/10)   07/G1   07 - Scienze agrarie e veterinarie   AGR/20   ha aderito  
6. MARINELLI   Flavia   INSUBRIA   Biotecnologie e Scienze della Vita   Componente del gruppo dei 16   Professore Ordinario (L. 240/10)   03/D1   03 - Scienze chimiche   CHIM/11   ha aderito  
7. CASTELNUOVO   Paolo Giocondo Maria   INSUBRIA   Biotecnologie e Scienze della Vita   Componente del gruppo dei 16   Professore Ordinario   06/F3   06 - Scienze mediche   MED/31   ha aderito  
8. MOLLA   Gianluca   INSUBRIA   Biotecnologie e Scienze della Vita   Componente del gruppo dei 16   Professore Associato (L. 240/10)   05/E1   05 - Scienze biologiche   BIO/10   ha aderito  
9. BRACALE   Marcella   INSUBRIA   Biotecnologie e Scienze della Vita   Componente del gruppo dei 16   Professore Ordinario (L. 240/10)   05/A2   05 - Scienze biologiche   BIO/04   ha aderito  
10. VIOLA   Manuela   INSUBRIA   Medicina e Chirurgia   Componente del gruppo dei 16   Professore Associato (L. 240/10)   05/E1   05 - Scienze biologiche   BIO/10   ha aderito  
11. VIGETTI   Davide   INSUBRIA   Medicina e Chirurgia   Componente del gruppo dei 16   Professore Associato (L. 240/10)   05/E1   05 - Scienze biologiche   BIO/10   ha aderito  
12. SACCHI   Silvia   INSUBRIA   Biotecnologie e Scienze della Vita   Coordinatore   Professore Associato (L. 240/10)   05/E2   05 - Scienze biologiche   BIO/11   ha aderito  
13. GRIMALDI   Annalisa   INSUBRIA   Biotecnologie e Scienze della Vita   Componente del gruppo dei 16   Professore Associato (L. 240/10)   05/B1   05 - Scienze biologiche   BIO/05   ha aderito  
14. GORNATI   Rosalba   INSUBRIA   Biotecnologie e Scienze della Vita   Componente del gruppo dei 16   Professore Ordinario (L. 240/10)   05/B2   05 - Scienze biologiche   BIO/06   ha aderito  
15. VANNINI   Candida   INSUBRIA   Biotecnologie e Scienze della Vita   Componente del gruppo dei 16   Professore Associato (L. 240/10)   05/A2   05 - Scienze biologiche   BIO/04   ha aderito  
16. BINELLI   Giorgio Pietro Mario   INSUBRIA   Biotecnologie e Scienze della Vita   Altro Componente   Professore Associato confermato   05/I1   05 - Scienze biologiche   BIO/18   ha aderito  
17. PIUBELLI   Luciano   INSUBRIA   Biotecnologie e Scienze della Vita   Altro Componente   Professore Associato (L. 240/10)   05/E1   05 - Scienze biologiche   BIO/10   ha aderito  
18. TETTAMANTI   Lucia   INSUBRIA   Medicina e Chirurgia   Componente del gruppo dei 16   Professore Ordinario (L. 240/10)   06/F1   06 - Scienze mediche   MED/28   ha aderito  
19. ROSINI   Elena   INSUBRIA   Biotecnologie e Scienze della Vita   Altro Componente   Ricercatore a t.d. - t.pieno (art. 24 c.3-a L. 240/10)   05/E1   05 - Scienze biologiche   BIO/10   ha aderito  
20. TOZZI   Matteo   INSUBRIA   Medicina e Chirurgia   Altro Componente   Professore Associato (L. 240/10)   06/E1   06 - Scienze mediche   MED/22   ha aderito  
21. CAMPOMENOSI   Paola   INSUBRIA   Biotecnologie e Scienze della Vita   Altro Componente   Ricercatore confermato   05/I1   05 - Scienze biologiche   BIO/18   ha aderito  
22. ORLANDI   Viviana Teresa   INSUBRIA   Biotecnologie e Scienze della Vita   Altro Componente   Ricercatore confermato   05/I2   05 - Scienze biologiche   BIO/19   ha aderito  
23. VALLI   Roberto   INSUBRIA   Medicina e Chirurgia   Altro Componente   Ricercatore confermato   06/A1   06 - Scienze mediche   MED/03   ha aderito  
24. DONATI   Simone   INSUBRIA   Medicina e Chirurgia   Altro Componente   Professore Associato (L. 240/10)   06/F2   06 - Scienze mediche   MED/30   ha aderito  
25. PIFFARETTI   Gabriele   INSUBRIA   Medicina e Chirurgia   Altro Componente   Professore Associato (L. 240/10)   06/E1   06 - Scienze mediche   MED/22   ha aderito  


Membri del collegio (Personale non accademico dipendente di altri Enti e Personale docente di Università Straniere)

n. Cognome Nome Ruolo Tipo di ente: Ateneo/Ente di appartenenza Paese Dipartimento/ Struttura Qualifica Codice fiscale SSD Attribuito Area CUN-VQR attribuita N. di Pubblicazioni (*)
1. BIBB   Mervyn   Altro Componente   Altro Ente (no VQR)   JOHN INNES CENTER, NORWICK, UK   Regno Unito   Molecular Microbiology   Professore di Univ.Straniera     BIO/11   05   15  
2. MOTHET   Jean-Pierre   Altro Componente   Università straniera   UNIVERSITE PARIS-SACLAY   Francia   CNRS, ENS Paris-Saclay   Professore di Univ.Straniera     BIO/09   05   13  
3. PATAKOVA   Petra   Altro Componente   Università straniera   UNIVERSITY OF CHEMISTRY AND TECHNOLOGY, PRAGUE   Repubblica Ceca   Biotechnology   Professore di Univ.Straniera     CHIM/11   06   23  
4. VIZIOLI   Jacopo   Altro Componente   Università straniera   UNIVERSIT LILLE 1, VILLENEUVE DASCQ, FRANCE   Francia   Microglial Activation Team, the EA4550 – LSMBFA (Laboratoire de Spectrométrie de Masse Biologique)   Professore di Univ.Straniera     BIO/05   05   13  


(*) numero di prodotti scientifici pubblicati dotati di ISBN/ISMN/ISSN o indicizzati su WoS o Scopus negli ultimi cinque anni


Principali Atenei e centri di ricerca internazionali con i quali il collegio mantiene collaborazioni di ricerca (max 5) con esclusione di quelli di cui alla sezione 1

n. Denominazione Paese Tipologia di collaborazione
1. UNIVERSITE PARIS-SACLAY, ESPACE TECHNOLOGIQUE – BATIMENT DISCOVERY, ROUTE DE L’ORME AUX MERISIERS – RD 128, 91190 SAINT-AUBIN   Francia   (max 500 caratteri)
(max 500 caratteri)
Collaborazione scientifica, con scambio di dottorandi, sul ruolo della D-serina nella neurotrasmissione e nelle patologie umane connesse a disfunzioni dei recettori NMDA e per lo sviluppo di sensori genetico per rilevare la presenza di questo e altri neuromodulatori
 
2. GRUPO DE INVESTIGACION EN ACUICULTURA, UNIVERSITY OF LAS PALMAS DE GRAN CANARIA, INSTITUTO UNIVERSITARIO DE SANIDAD ANIMAL, TRASMONTANA S/N, 35413 ARUCAS, LAS PALMAS, CANARY ISLANDS   Spagna   (max 500 caratteri)
Collaborazione scientifica, con scambio di dottorandi, nell'ambito del progetto AQUAEXCEL2020, Nutrition & Aquaculture: evaluation of oil from Camelina sativa seeds for marine fish: effects of fish growth, tissue fatty acid composition, and intestinal microbiome.
 
3. LABORATORIO DE MICROAMBIENTE TUMORAL, CENTRO DE INVESTIGACIONES BÁSICAS Y APLICADAS (CIBA), UNIVERSIDAD NACIONAL DEL NOROESTE DE LA PCIA. DE BS. AS., CENTRO DE INVESTIGACIONES Y TRANSFERENCIA DEL NOROESTE DE LA PCIA. DE BS. AS. (CIT NOBA UNNOBA-CONICET), B6000, JUNÍN, ARGENTINA.   Argentina   (max 500 caratteri)
Collaborazione scientifica, con scambio di dottorandi, nell’ambito del progetto EU GLYCANC, con scambio di dottorandi e postdoc, sul ruolo dell’acido ialuronico sul comportamento di cellule cancerose e sulla composizione del microambiente tumorale
 
4. GUANGDONG PROVINCIAL SERICULTURE AND MULBERRY ENGINEERING RESEARCH CENTER, SOUTH CHINA AGRICULTURAL UNIVERSITY, GUANGZHOU   Cina   (max 500 caratteri)
Collaborazione scientifica sui processi di sviluppo di Bombyx mori (ruolo dei processi di morte cellulare durante gli stadi larvali) finalizzati ad un miglioramento quanti/qualitativo della seta prodotta.
 
5. DEPARTMENT OF BIOTECHNOLOGY , UNIVERSITY OF CHEMISTRY AND TECHNOLOGY, PRAGUE   Repubblica Ceca   (max 500 caratteri)
Collaborazione didattica (Double Degree Laurea magistrale in Biotecnologie) e scientifica con scambio di dottorandi su biotecnologie farmaceutiche e bioraffinerie (ricerca e produzione metaboliti secondari e enzimi idrolitici per il recupero di biomasse recalcitranti)
 


Descrizione della situazione occupazionale dei dottori di ricerca che hanno acquisito il titolo negli ultimi tre anni

(max 1.500 caratteri)
Sono disponibili i primi dati (Indagine Alma Laurea 2019) riguardanti 5 dottorandi che hanno conseguito il titolo nel XXXII ciclo. L’analisi della situazione occupazionale riporta esiti soddisfacenti ad un anno dal conseguimento del titolo: il tasso di occupazione è del 40% (vs. l’84% dei dottori in ricerca in scienze della vita), nell’ambito sanitario (sia pubblico che privato), una retribuzione media di 3563 € (vs 1749 € a livello nazionale) e un’efficacia del dottorato relativamente alle competenze professionali del 100%. Il DSVB fornisce una formazione completa sia in termini multidisciplinari che di approfondimento settoriale. Questo è estremamente importante poichè l’innovazione tecnico-scientifica nasce dalla fusione di competenze diverse che permette una visione nuova delle problematiche. La disponibilità di laboratori dotati di strumentazione avanzata e di esperti in tecnologie innovative di biologia molecolare e di ingegneria proteica/genetica/cellulare, permette di formare dottorandi in grado di progettare e svolgere ricerche integrate che portino a prodotti di alto contenuto scientifico, applicabili in settori diversi: nella salute dell’uomo (inibitori di enzimi coinvolti in patologie, sviluppo di metodi diagnostici, materiali e interventi terapeutici innovativi), in ambito zoologico e vegetale e per le biotecnologie industriali.


Note

(MAX 1.000 caratteri):
Il Dipartimento referente (Dip. Biotecnologie e Scienze della Vita) afferisce, tramite l’Ateneo, al Cluster Lombardo di Green Chemistry, che ha l'obiettivo di creare un network nazionale ed internazionale orientato a realizzare un sistema integrato e sostenibile di infrastrutture, competenze e metodologie di supporto alla ricerca e all’innovazione industriale e ambientale; al Cluster Lombardo Scienze della Vita operante nel settore delle biotecnologie farmaceutiche e della salute; e al Cluster Alta Tecnologia Agrofood CAT.AL, con l’obiettivo di approfondire la ricerca sulle produzioni agroalimentari in un quadro di collaborazione tra istituti di ricerca ed industrie. È inoltre partner della piattaforma europea IBISBA 2.0 sulle biotecnologie industriali.
Numerosi docenti sono membri del Consorzio Interuniversitario per le Biotecnologie (CIB, istituito nel 1987), che promuove e coordina attività di ricerca scientifica e di trasferimento nel campo delle biotecnologie avanzate.


3. Eventuali curricula
Curriculum dottorali afferenti al Corso di dottorato
La sezione è compilabile solo se nel punto "Corso di Dottorato" si è risposto in maniera affermativa alla domanda "Presenza di eventuali curricula?"


Note


4. Struttura formativa

Attività didattica disciplinare e interdisciplinare

Insegnamenti ad hoc previsti nell'iter formativo Tot CFU: 180   n.ro insegnamenti: 6   di cui è prevista verifica finale: 0  
Insegnamenti mutuati da corsi di laurea magistrale NO      
Insegnamenti mutuati da corsi di laurea (primo livello) NO      
Cicli seminariali SI  
Soggiorni di ricerca (ITALIA - al di fuori delle istituzioni coinvolte) NO      
Soggiorni di ricerca (ESTERO nell’ambito delle istituzioni coinvolte) NO      
Soggiorni di ricerca (ESTERO - al di fuori delle istituzioni coinvolte) NO      


Descrizione delle attività di formazione di cui all’art. 4, comma 1, lett. f)

Tipologia  Descrizione sintetica (max 500 caratteri per ogni descrizione)
Linguistica Nel 1° anno uso del programma di autoapprendimento "MEC" fruibile nei laboratori linguistici di Ateneo
Insegnamento di Inglese Avanzato (3 CFU) per gli studenti del 2° e 3° anno per la preparazione alla certificazione Cambridge (1 CFU). Questi insegnamenti considerano le necessità d’uso dell'inglese (un valore aggiunto per la formazione dei dottorandi e l’internazionalizzazione della loro ricerca) nelle relazioni intermedie, nella stesura dell'elaborato finale, e nelle attività seminariali.
 
Informatica Insegnamenti di Biostatistica (3 CFU, al primo anno), di Bioinformatica (3 CFU, al secondo anno) e di utilizzo di banche dati (1 CFU, al secondo anno), obbligatori.
Il perfezionamento informatico avverrà attraverso un percorso di eccellenza seguendo corsi di carattere modellistico, di simulazione e computazionale, basati su corsi gratuiti di informatica, di programmazione, grafica scientifica, comunicazione web, etc.
 
Gestione della ricerca, della conoscenza dei sistemi di ricerca e dei sistemi di finanziamento Gestione della ricerca (2 CFU, al secondo/terzo anno, cadenza biennale): con esperti esterni; coordinato a livello di Scuola di Dottorato di Ateneo. Stesura di un progetto di ricerca; studio delle varie tipologie di bandi, locali, nazionali e soprattutto Europei; progettazione e gestione del budget.
Corso di Bioetica (2 CFU, al terzo anno).
 
Valorizzazione dei risultati della ricerca e della proprietà intellettuale Insegnamento relativo alla stesura di un articolo scientifico e alla presentazione dei dati (2 CFU, al primo anno). Valorizzazione della ricerca: Normative, Brevetti e Technology Transfer (2 CFU, al secondo/terzo anno, biennale) con esperti interni ed esterni all'Ateneo (coordinato a livello di Scuola di Dottorato); tutele e proprietà intellettuale; norme comunitarie; relazioni con imprese.
Esporre con chiarezza (1 CFU, al primo anno).
 


Note

(MAX 1.000 caratteri):
La struttura generale prevede 60 CFU per anno.

Primo anno: 48 CFU per corsi preliminari e integrativi se necessari alla preparazione del dottorando (max 12 CFU) e per il lavoro di ricerca; 8 CFU ripartiti nella formazione multidisciplinare comune (Inglese, Biostatistica, Esporre con chiarezza); 2 CFU per attività seminariali e journal club; 2 CFU per un report e un seminario.

Secondo anno: 47 CFU per lavoro di ricerca; 2 CFU per un report e un seminario; 3 CFU per conoscenze linguistiche; 6 CFU ripartiti tra attività didattiche multidisciplinari (Bioinformatica, utilizzo di banche dati, Economia, Inglese) e corsi e seminari connessi al progetto di ricerca; 2 CFU per attività seminariali e journal club.

Terzo anno: 42 CFU per lavoro di ricerca; 6 CFU ripartiti tra attività didattiche multidisciplinari (Normative/brevetti e TT, Bioetica, Inglese) e corsi e seminari connessi al progetto di ricerca; 12 CFU per la stesura e la discussione della tesi.

5. Posti, borse e budget per la ricerca

Posti, borse e budget per la ricerca

Descrizione Ciclo 36° Anagrafe dottorandi (35°) Ciclo 35° (Tabella POSTI)
A - Posti banditi
(messi a concorso)
 
1. Posti banditi con borsa   N. 7   7   7 (7) (7)  
2. Posti coperti da assegni di ricerca     0    
3. Posti coperti da contratti di apprendistato     0    
Sub totale posti finanziati (A1+A2+A3)   N. 7   N. 7   7 (7)  
4. Eventuali posti senza borsa   N. 2   2   2 (2) (2)  
B - Posti con borsa riservati a laureati in università estere     0    
C - Posti riservati a borsisti di Stati esteri     0    
D - Posti riservati a borsisti in specifici programmi di mobilità internazionale     0    
E - Posti riservati a dipendenti di imprese impegnati in attività di elevata qualificazione (dottorato industriale) o a dipendenti di istituti e centri di ricerca pubblici impegnati in attività di elevata qualificazione (con mantenimento di stipendio)     0    
F - Posti senza borsa riservati a laureati in Università estere     0    
TOTALE = A + B + C + D + E + F   N. 9   N. 9   9 (9)  
DI CUI CON BORSA = TOTALE – A4 - F   N. 7   N. 7   7 (7)  
Importo della borsa
(importo annuale al lordo degli oneri previdenziali a carico del percipiente)
 
Euro: 15.343,28      
Budget pro-capite annuo per attività di ricerca in Italia e all’Estero
(a partire dal secondo anno, in termini % rispetto al valore annuale della borsa al lordo degli oneri previdenziali a carico del percipiente)
 
(min 10% importo borsa): 10,00      
Importo aggiuntivo alla borsa per mese di soggiorno di ricerca all’estero
(in termini % rispetto al valore mensile della borsa al lordo degli oneri previdenziali a carico del percipiente)
 
(MAX 50% importo borsa): 50,00      
BUDGET complessivamente a disposizione del corso per soggiorni di ricerca all'estero
(importo lordo annuale comprensivo degli oneri previdenziali a carico del percipiente)



Nota: il budget complessivamente a disposizione del corso per soggiorni all’estero è calcolato considerando la percentuale di maggiorazione della borsa, il numero di mesi all’estero, il numero di anni del corso e il numero di studenti con borsa.
 
Euro: 61.373,12      
Eventuali note:
(max 500 caratteri)
Il budget complessivo per il soggiorno all'estero è una previsione (6 mesi per ogni dottorando), verrà poi erogato l'importo per l'effettivo soggiorno all'estero del dottorando, con una maggiorazione del 50% della borsa per tutta la durata del soggiorno, fino ad un massimo di 18 mesi.
 

Attenzione: i dati di questa sezione relativi agli iscritti al ciclo precedente vengono aggiornati utilizzando le informazioni inserite nella piattaforma ANS/PL fino al giorno della chiusura della scheda anagrafe .

Fonti di copertura del budget del corso di dottorato (incluse le borse)

FONTE  Importo (facoltativo) Descrizione Tipologia
(max 200 caratteri)
Fondi Ministeriali   Cofinanziamento borse di studio  
Progetti competitivi o fondi messi a disposizione dal proponente   Reg. Lombardia: 2017 (Pollegioni, Molla); PRIN 2018 (Pollegioni); AGER 2016-2021 ed EU HORIZON 2020 (Terova); Programma Nazionale di Ricerca in Antartide 2016 (Marinelli)  
Fondi di ateneo   Fondi di Ateneo per la Ricerca (tutti i docenti); borse di studio; budget per l'attività di ricerca  
Finanziamenti esterni   Collaborazioni con industrie: Bict (Molla); FIIRV, CPC biotec, (Pollegioni); ABR (Sacchi, Rosini) Huvepharma, Angelini, Gnosis (Marinelli); Sacco srl e NaturAlleva srl (Terova)  
Altro    


Note


6. Strutture operative e scientifiche

Strutture operative e scientifiche

Tipologia Descrizione sintetica (max 500 caratteri per ogni descrizione)
Attrezzature e/o Laboratori   DBSV: lab Biochimica Proteine e Ingegneria Proteica; Fermentazione Microbica; Colture Cellulari; Biologia Invertebrati; Biotecnologie Animali e Acquacoltura; Impianto stabulazone; Genomica, metagenomica, nutrigenomica, proteomica; Chirurgia Sperimentale; Biologia Cellulare
DMC: lab Morfologia Umana; Chirurgia Sperimentale; Biochimica e Biologia molecolare; lab Citogenetica Medica e Genetica Medica Molecolare.
 
Patrimonio librario   consistenza in volumi e copertura delle tematiche del corso   Tutte le biblioteche gestite dal Sistema Biobliotecario Centralizzato dell’Ateneo attraverso il portale InsuBRE (https://uninsubria.primo.exlibrisgroup.com/discovery/search?vid=39INS_INST:VU1&sortby=rank&lang=it)
La Biblioteca medico-chirurgica del Dipartimento di Medicina e Chirurgia (http://www.sbbl.it/)
 
abbonamenti a riviste (numero, annate possedute, copertura della tematiche del corso)   L'Ateneo dispone di un sistema bibliotecario centralizzato (SiBA). Il patrimonio complessivo ammonta ad oltre 97.000 volumi, innumerevoli abbonamenti a riviste cartacee, 22.000 abbonamenti a riviste elettroniche, disponibili online con accesso al full-text, oltre 200 banche dati, consultabili online. Vanno aggiunti oltre 26.000 titoli di riviste on-line in Open Access, disponibili da progetti internazionali di aggregazione. Il patrimonio complessivo risulta di circa 50.000 titoli.  
E-resources   Banche dati (accesso al contenuto di insiemi di riviste e/o collane editoriali)   Tutte le banche dati accessibili online anche attraverso il Sistema bibliotecario di Ateneo. Inoltre è disponibile la Ceppoteca microbica The Protein Factory 2.0 la cui banca dati fornisce i materiali biologici e le informazioni circa un numero elevato di sistemi di espressione batterici ed eucariotici (plasmidi e ospiti)  
Software specificatamente attinenti ai settori di ricerca previsti   Oltre ai laboratori informatici per la didattica (vedi sito web: http://www4.uninsubria.it/on-line/home/naviga-per-tema/ateneo/organizzazione/altri-organi-di-ateneo/presidio-della-qualita-di-ateneo/articolo4349.html), e alle strumentazioni informatiche site presso ciascun laboratorio, l‘Ateneo ha l’accesso alle potenzialità di calcolo fornite dal Consorzio Cineca (già utilizzate in passato ad esempio per studi di dinamica molecolare)  
Spazi e risorse per i dottorandi e per il calcolo elettronico   Laboratori informatici attrezzati, facility di modeling (Molla)  
Altro    


Note


7. Requisiti e modalità di ammissione

Requisiti richiesti per l'ammissione

Tutte le lauree magistrali: SI, Tutte  
se non tutte, indicare quali:  
Altri requisiti per studenti stranieri:  
Eventuali note  


Modalità di ammissione

Modalità di ammissione
Titoli
Prova orale
Lingua
 
Per i laureati all'estero la modalità di ammissione
è diversa da quella dei candidati laureati in Italia?
NO  
se SI specificare:  


Attività dei dottorandi

È previsto che i dottorandi possano svolgere attività di tutorato SI
 
 
È previsto che i dottorandi possano svolgere attività di didattica integrativa SI
 
Ore previste: 40  


Note




Dottorato innovativo a caratterizzazione internazionale

• Dottorato in collaborazione con Università e/o enti di ricerca esteri   NO
 
 
• Dottorato relativo alla partecipazione a bandi internazionali (e.g. Marie Skłodowska Curie Actions, ERC)   NO    
• Collegio di dottorato composto per almeno il 25% da docenti appartenenti a qualificate università o centri di ricerca stranieri   NO    
• Presenza di eventuali curricula in collaborazione con Università/Enti di ricerca estere e durata media del periodo all'estero dei dottori di ricerca pari almeno a 12 mesi   NO
 
 
• Presenza di almeno 1/3 di iscritti al Corso di Dottorato con titolo d'accesso acquisito all'estero ***   NO    


Dottorato innovativo a caratterizzazione intersettoriale

• Dottorato in convenzione con Enti di Ricerca   NO
 
 
• Dottorato in convenzione con le imprese o con enti che svolgono attività di ricerca e sviluppo   NO
 
 
• Dottorato selezionato su bandi internazionali con riferimento alla collaborazione con le imprese   NO
 
 
• Dottorati inerenti alle tematiche dell’iniziativa “Industria 4.0   NO
 
 
• Presenza di convenzione con altri soggetti istituzionali su specifici temi di ricerca o trasferimento tecnologico e che prevedono una doppia supervisione   NO
 
 


Dottorato innovativo a caratterizzazione interdisciplinare

• Dottorati (con esclusione di quelli suddivisi in curricula) con iscritti provenienti da almeno 2 aree CUN, rappresentata ciascuna per almeno il 30% (rif. Titolo LM o LMCU )   NO    
• Corsi appartenenti a Scuole di Dottorato che prevedono contestualmente ambiti tematici relativi a problemi complessi caratterizzati da forte multidisciplinarità   SI
 
Motivazione:
Il presente Corso di Dottorato appartiene alla Scuola di Dottorato di Ateneo con cui sviluppa progetti scientifici e didattici multidisciplinari.
 
• Dottorati inerenti alle tematiche dei

Big Data
, relativamente alle sue metodologie o applicazioni
 
NO
 
 
• Dottorati che rispondono congiuntamente ai seguenti criteri      
presenza nel Collegio di Dottorato di docenti afferenti ad almeno due aree CUN, rappresentata ciascuna per almeno il 20% nel Collegio stesso   SI    
presenza di un tema centrale che aggreghi coerentemente discipline e metodologie diverse, anche con riferimento alle aree ERC   SI   Motivazione:
L'approccio molecolare, cellulare e biotecnologico rappresenta l'argomento centrale che permette un grado di innovazione nei diversi settori di attività dei docenti afferenti; dalle scienze della vita, alla cura della salute umana e del benessere animale, all'ambito della chimica verde e vegetale.
 


Chiusura proposta e trasmissione: 26/05/2020


.