MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA


Modulo Proposta Anagrafe dei dottorati - a.a. 2018/2019
codice = DOT136E3MF




1. Informazioni generali



Corso di Dottorato

Il corso è: Rinnovo 
Denominazione del corso a.a. 2017/2018 INFORMATICA 
Cambio Titolatura? NO 
Ciclo 34 
Data presunta di inizio del corso 01/11/2018 
Durata prevista 3 ANNI 
Dipartimento/Struttura scientifica proponente INFORMATICA 
Dottorato in collaborazione con le imprese/dottorato industriale
(art. 11 del regolamento):
NO
[dato riportato in automatico dalla sezione "Tipo di Organizzazione"]
 
Dottorato in collaborazione con Università e/o enti di ricerca esteri
(art. 10 del regolamento):
NO
[dato riportato in automatico dalla sezione "Tipo di Organizzazione"]
 
Dottorato relativo alla partecipazione a bandi internazionali: SI  Altra tipologia
se altra tipologia:
H2020-MSCA-ITN-2017
 
se SI, Descrizione tipo bando H2020 ITN DAL TITOLO "MIXED-INTEGER NONLINEAR OPTIMIZATION APPLICATIONS (MINOA)" AGREEMENT NO. 764759 
se SI, Esito valutazione POSITIVA 
Il corso fa parte di una Scuola? NO 
Presenza di eventuali curricula? NO 
Sito web dove sia visibile l'offerta formativa prevista ed erogata https://www.di.unipi.it/phd 


AMBITO: indicare i settori scientifico disciplinari coerenti con gli obiettivi formativi del corso

n. Settori scientifico disciplinari interessati (SSD) Indicare il peso percentuale di ciascun SSD nel progetto scientifico del corso Settori concorsuali interessati Macrosettore concorsuale interessato Aree CUN-VQR interessate
1. MAT/01    %  5,00  LOGICA MATEMATICA E MATEMATICHE COMPLEMENTARI  01/A - MATEMATICA 
01 - Scienze matematiche e informatiche
 
2. MAT/09    %  15,00  RICERCA OPERATIVA  01/A - MATEMATICA 
01 - Scienze matematiche e informatiche
 
3. INF/01    %  80,00  INFORMATICA  01/B - INFORMATICA 
01 - Scienze matematiche e informatiche
 
  TOTALE    %  100,00          


Descrizione e obiettivi del corso

Il Dottorato in Informatica si pone l’obiettivo di formare ricercatori e innovatori nelle Scienze e nelle Tecnologie dell’Informazione. A tale scopo,i dottorandi sono coinvolti nelle attività di ricerca svolta nelle strutture proponenti,oltre a seguire corsi monografici tenuti da esperti,scuole internazionali del settore e a trascorrere periodi presso Università e centri di ricerca (anche industriali)in Italia e all’estero. Il dottorato prevede anche ricerche sulle principali articolazioni multi-disciplinari in cui l’ICT è coinvolta,per le quali ha già formato con successo giovani ricercatori, intessendo delle proficue collaborazioni di ricerca e di internship e job placement con prestigiose realtà industriali intl nelle aree: BioInformatica e Smart Health, Big Data e Web, Smart Communities e Industria 4.0, ecc.I dottori di ricerca saranno in grado di definire nuovi modelli e teorie per l’elaborazione dell’informazione;nuovi sistemi, infrastrutture ICT e algoritmi per la memorizzazione,la ricerca e l’analisi di Big Data; nuovi linguaggi e strumenti per sostenere i paradigmi di programmazione che emergono. Inoltre sapranno analizzare sistemi complessi(biologici, sociali, ecc.),comprendere e guidare l’impatto delle innovazioni ICT in tutte quelle aree. Infine saranno esposti ad attività formative(tra cui il PhD+, attivo in UniPI dal 2011) su temi e skill trasversali quali quelli per valorizzare e trasferire all’economia e alla società i risultati scientifici (si veda dopo)


Sbocchi occupazionali e professionali previsti

Imprese piccole, medie e grandi, di servizi, del commercio e di produzione di software; enti pubblici; accademia ed enti di ricerca. I dottori di ricerca trovano anche impiego in settori inter/multidisciplinari, quali quelli legati alle scienze della vita e alle scienze economiche e sociali, e oggi sempre più in ambiti ove i Big Data vengono utilizzati per ottimizzare prodotti e processi produttivi.
Tra le piccole imprese ci preme sottolineare anche lo sviluppo recente di start-up (anche di profilo internazionale) fondate da nostri dottorandi/dottori di ricerca, o da giovani ricercatori, in cui altri dottorandi trovano una prima occupazione


Sede amministrativa

Ateneo Proponente: Università di PISA 
N° di borse finanziate 7 


Tipo di organizzazione

2b) Convenzione
 
con
(indicare i soggetti partecipanti al consorzio/convenzione):
 

Università italiane

Università straniere

enti di ricerca pubblici o privati di alta qualificazione, anche di Paesi diversi

imprese che svolgono attività di ricerca e sviluppo
 
se in convenzione:   1) data di sottoscrizione: 15/07/2018  numero di cicli di dottorato:3 
(eventuale)      


Atenei italiani consorziati/convenzionati

Denominazione Dipartimento/ Struttura Consorziato/ Convenzionato Sede di attività formative N° di borse finanziate Rilascio del titolo congiunto/multiplo:
Università degli Studi di FIRENZE  Statistica, Informatica e Applicazioni 'G.Parenti' (DISIA)  Convenzionato  SI  3  SI 
Università degli Studi di SIENA  Ingegneria dell’Informazione e Scienze Matematiche  Convenzionato  SI  3  SI 


Note

(max 1.000 caratteri):
Il corso di dottorato partecipa al finanziamento della Regione Toscana “Borse Pegaso - Dottorati di ricerca” che trova la sua copertura finanziaria nel POR FSE 2014/20. La convenzione è formalizzata tramite Associazione temporanea di scopo (ATS) tra i partener convenzionati, così come previsto dall’avviso regionale. L’ATS deve essere stipulata entro 40 giorni dalla pubblicazione sul BURT del decreto di approvazione della graduatoria.
Convenzioni con Atenei/Istituzioni estere:
- Università Nova Lisbona per il conseguimento del titolo di Doctor Europaeus
- Accordo con China Scholarship Council per l’iscrizione ai dottorati dell’Università di Pisa;
- Accordo con Beijing per la mobilità dei dottorandi
- Singapore University of Technology and Design (SUTD) per la mobilità dei dottorandi del Corso in Informatica
- Accordo MIT - Cambridge
- Accordo Stanford University
Si fa presente che il Dip. Stat., Inf. e Appl. “G. Parenti” è risultato nella lista dei Dipartimenti di Eccellenza del MIUR


2. Collegio dei docenti



Coordinatore

Cognome Nome Ateneo Proponente: Dipartimento/ Struttura Qualifica Settore concorsuale Area CUN-VQR
FERRAGINA  Paolo  PISA  INFORMATICA  Professore Ordinario  01/B1  01 



Curriculum del coordinatore


1. Curriculum del coordinatore

Paolo Ferragina è Professore Ordinario di Informatica (settore INF/01, area Algoritmi), delegato alla Ricerca e Innovazione per il Dipartimento di Informatica dell'Università di Pisa, e coordinatore del Dottorato in Informatica svolto in collaborazione con le Università di Siena e Firenze dal ciclo XXXIII (si tratta di un dottorato regionale Pegaso). Dirige l'Acube Lab, nel quale si progettano e sviluppano soluzioni algoritmiche per Big Data, svolgendo progetti in collaborazione con aziende leader del settore quali: Google, Yahoo!, Bloomberg, ST Microelectronics, ENEL, Tiscali, CERVED. Attualmente l'Acube lab partecipa alla H2020 Research Infrastructure europea sui Social Big Data (SoBigData.eu, INFRAIA-1-2014-2015, grant agreement #654024).

Ricopre attualmente anche il ruolo di membro del Comitato Tecnico Scientifico della Fondazione per l'innovazione e lo sviluppo imprenditoriale della Camera di Commercio di Pisa, ed è stato un consulente tecnico della Commissione Parlamentare di inchiesta sulla Digitalizzazione e l'Innovazione della PA.

La sua promozione a ordinario è stata finanziata da Yahoo! Research dal 2007 al 2011. Ha ricoperto vari incarichi istituzionali nell'Università di Pisa, tra gli altri: vice-direttore del Dipartimento di Informatica, membro della Commissione Personale della Facoltà di Scienze MFN, membro della Commissione Brevetti di Ateneo, membro del CdA del Consorzio Universitario QUINN, e Presidente dell'IT Center dell'Università di Pisa (2010-15), un centro inter-dipartimentale di ricerca e sviluppo che dispone di un datacenter finanziato da ACER e Intel per un valore di qualche milione di euro, ed eletto Competence Center Dell worlwide e con convenzioni con Intel, Microsoft, VMware, Redhat, Openstack, nutanix,  cloudera.

E' stato anche coordinatore scientifico del centro di ricerca Signum della Scuola Normale Superiore in Pisa, ove è stato docente per un corso "Algoritmi e Complessità" (2009-11), ed è stato membro del Comitato Scientifico della Fondazione Toscana Life Sciences (Siena).

Nell'ultimo sessennio 2010-2016 ha ricoperto la carica di Pro-rettore per la "Ricerca Applicata e l'Innovazione" presso l'Università di Pisa.

Paolo Ferragina si è laureato (con lode) in Scienze dell'Informazione (1992) e ottenuto il dottorato in Informatica (1996) dall'Università di Pisa, e ha svolto il Post-doc presso il Max-Planck Institut fur Informatik (Saarbrucken, 1997-98). Dal 1998 al 2000, è stato Ricercatore e dal 2000 al 2007 Professore Associato presso l'Università di Pisa. Ha trascorso diversi periodi di ricerca presso IBM Research center (Rome), AT&T Shannon Lab (NJ), Yahoo! Research Lab (Barcelona), Google (NY e Zurich), University of North Texas, Max-Planck Institute fur Informatik (Germania), Courant Institute for Mathematical Science (New York University).

I suoi interessi di ricerca si rivolgono al progetto di algoritmi e strutture dati per la memorizzazione, la compressione, l'analisi e la ricerca di informazioni in grandi insiemi di dati quali Web repositories, XML file collections, DB testuali, genomic/DNA sequences. E' co-autore di 3 brevetti internazionali (uno di proprietà di Lucent USA, uno di proprietà dell'Università di Rutgers e di Pisa, e uno di proprietà di Yahoo!), e di altri 3 brevetti in corso di valutazione: 2 posseduti da Yahoo e 1 dalla New York University.

Le sue ricerche hanno ricevuto alcuni premi internazionali: "Best Land Transportation Paper Award" from IEEE Vehicular Technology Society (1995); "EATCS Doctoral Dissertation Thesis Award" (1997); "Philip Morris Award on Science and Technology" (1997); "Research Capital award" dall'Università di Pisa (2002); "Working Capital Award" da Telecom Italia (2010), tre Google Faculty Research award (2010, 2012 e 2016), e un Blooberg Research Grant (2017). Il sistema SMAPH (sviluppato in collaborazione con Google Zurigo e l'Università di Monaco) ha vinto la ERD Challange @SIGIR2014 nella Track su Query Disambiguation.

E' stato nel PC di numerose conferenze internazionali nell'ambito dell'Informatica Teorica e dell'Algoritmica, e co-chair di: FUN with Algorithms (2004), DIMACS Workshop on the Burrows-Wheeler Transform (2004), Symposium on String Processing and Information Retrieval (SPIRE 2006), Symposium on Combinatorial Pattern Matching (CPM 2008), European Symposium on Algorithms (ESA 2012) e ACM Conference on Web Search and Data Mining (WSDM 2013).

E' stato plenary speaker delle conferenze internazionali CPM '04, SPIRE '05, ESA/ALGO 2010, SISAP 2011, l'Industrial Track di ECIR 2012, DFG 2014 Priority Program 1307 "Algorithm Engineering" (Germany), e al DIITET 2015 National Conference of CNR (Pisa).

E' attualmente un membro dell'Editor Board del Journal of Graph Algorithms and Applications (JGAA), e dell'Encyclopedia on Big Data Technology (Springer, 2018), ed è stato parte dello Steering Committee dello European Symposium on Algorithms (ESA, 2012-2014). Ha servito come revisore del progetto nazionale "Algorithms for Big Data (SPP1736)" (Germania), e dell'Israelian Science Foundation per molti anni.

Ha servito come (co)editor di 5 special issue di riviste internazionali: Theory of Computing Systems (2006), Theoretical Computer Science (2007 and 2009), Information Retrieval (2008), Algorithmica (2014).

E' l'autore di un capitolo su "String search in external memory: Algorithms and data structures" nell'Handbook of Computational Molecular Biology (CRC Press, Editor Srinivas Aluru), di un capitolo su Web Search nel libro "On the power of algorithms" (Springer, Editors Ausiello-Petreschi, 2013). E' co-autore di un libro sulla Crittografia (Bollati Boringhieri, 2001, ora ri-edito da Pisa University Press), e uno degli Area Editors della Encyclopedia of Algorithms (Springer, Editor Ming-Yang Kao). E' co-autore (con F. Luccio) di un recente libro su "Il Pensiero Computazionale: dagli algoritmi al coding", edito da Il Mulino (2017), che verrà pubblicato nella versione inglese da Springer nel 2018.

E' l'autore di più di 150 pubblicazioni nell'ambito dell'Informatica Teorica, dell'Algoritmica, della Web Search e Information Retrieval.

Ha coordinato, coordina e partecipa a progetti di ricerca competitivi nazionali (PRIN e FIRB), internazionali (EU e H2020) e con aziende (quali Yahoo, Google, ST Microelectronics, Bloomberg, ecc.).

Ha tenuto seminari in numerose Università, enti di ricerca e aziende in tutto il mondo; ha insegnato corsi su Algoritmi e Strutture Dati, Algorithm Engineering, Information Retrieval, Data Compression e Web Search.

Per quanto riguarda le linee guida ministeriali e il requisito A4, comma 4, per il coordinatore si fa presente quanto segue. Su Scopus risulta che Paolo Ferragina, che ricade nel settore concorsuale 1/B1 (informatica):

- negli ultimi 15 anni (dal 2003 al 2017) ha un h-index pari a 22 [soglia prevista per i Commissari ASN = 9];

- negli ultimi 15 anni (dal 2003 al 2017) ha un numero di citazioni oltre 2188 [soglia prevista per i Commissari ASN = 316];

- negli ultimi 10 anni (dal 2008 al 2017) ha un numero di articoli su rivista pari a 14 [soglia prevista per i Commissari ASN = 12];

- Inoltre è membro dell'editorial board della rivista indicizzata su Scopus: Journal of Graph Algorithms and Applications, ed è un membro dell'Editor Board dell'Encyclopedia on Big Data Technology (Springer, 2018).

- E' stato responsabile scientifico per l'Unità di Pisa di un PRIN 2008 (coordinatore nazionale Alessandro Panconesi, su “The Mad Web: Models, Algorithms and Data structures for the Web and other behavioural networks”), di un PRIN 2010-11 (coordinatore nazionale Alessandro Panconesi, su “ARS TechnoMedia”); inoltre è responsabile del laboratorio A3Lab nell’ambito della Research Infrastructure “SoBigData: Social Mining & Big Data Ecosystem”, finanziata dalla European Community H2020 Program (INFRAIA-1-2014-2015, grant agreement #654024, http://www.sobigdata.eu).

- Ha ricevuto 3 Google Faculty Research Awards nelle sessioni: 2010-Summer, 2012-Winter e 2016-Winter; un Yahoo Faculty Award nel 2007-2011; e nel 2017 ha ricevuto un Bloomberg Research Grant.

Per altre informazioni si faccia riferimento al CV su dettagliato o alla sua pagina web.


2. Esperienza di coordinamento centrale o di unità di gruppi di ricerca e/o di progetti nazionali o internazionali competitivi negli ultimi 10 anni


Progetto di ricerca nazionale (es. PRIN, FIRB, Fondazioni ecc.)
 
se valorizzato:   Coordinatore locale 

Progetto di ricerca internazionale (es. FP7, ERC, NIH, ecc.)
 
se valorizzato:   Coordinatore di progetto 

3. Partecipazione a comitati di direzione o di redazione di riviste A/ISI/Scopus

3a. Direzione di riviste, collane editoriali, enciclopedie nell'ultimo decennio

Responsabilità Titolo editoriale Anno inizio Anno fine
Direttore di riviste, collane, enciclopedie e trattati  Encyclopedia of Big Data Technologies  2017   
Direttore di riviste, collane, enciclopedie e trattati  JOURNAL OF GRAPH ALGORITHMS AND APPLICATIONS  2011   


3b. Partecipazione a comitati di redazione

n. Responsabilità Titolo editoriale Anno inizio Anno fine
1. Co-editor di Special Issue  Theoretical Computer Science (Elsevier)  2007  2007 
2. Co-editor di Special Issue  Information Retrieval (Springer)  2008  2008 
3. Co-editor di Special Issue  Theoretical Computer Science (Elsevier)  2009  2009 
4. Co-editor di Special Issue  Algorithmica (Springer)  2014  2014 
5. Direttore di riviste, collane,enciclopedie e trattati  Encyclopedia of Big Data Technologies, Springer (Area Editor)  2017   
6. Direttore di riviste  Encyclopedia of Algorithms (Springer, Area Editor)  2005  2008 



Membri del collegio (Personale Docente e Ricercatori delle Università Italiane)

n. Cognome Nome Ateneo Dipartimento/ Struttura Ruolo Qualifica Settore concorsuale Area CUN-VQR SSD Stato conferma adesione
1. DEGANO   Pierpaolo   PISA  INFORMATICA  Componente del gruppo dei 16  Professore Ordinario  01/B1   01   INF/01   ha aderito 
2. BARBUTI   Roberto   PISA  INFORMATICA  Componente del gruppo dei 16  Professore Ordinario  01/B1   01   INF/01   ha aderito 
3. BROGI   Antonio   PISA  INFORMATICA  Componente del gruppo dei 16  Professore Ordinario  01/B1   01   INF/01   ha aderito 
4. FERRAGINA   Paolo   PISA  INFORMATICA  Coordinatore  Professore Ordinario  01/B1   01   INF/01   ha aderito 
5. FERRARI   Gian-Luigi   PISA  INFORMATICA  Componente del gruppo dei 16  Professore Ordinario  01/B1   01   INF/01   ha aderito 
6. GROSSI   Roberto   PISA  INFORMATICA  Componente del gruppo dei 16  Professore Ordinario  01/B1   01   INF/01   ha aderito 
7. PAGLI   Linda   PISA  INFORMATICA  Componente del gruppo dei 16  Professore Ordinario  01/B1   01   INF/01   ha aderito 
8. PUGLIESE   Rosario   FIRENZE  Statistica, Informatica e Applicazioni 'G.Parenti' (DISIA)  Componente del gruppo dei 16  Professore Associato confermato  01/B1   01   INF/01   ha aderito 
9. PERGOLA   Elisa   FIRENZE  Matematica e Informatica “Ulisse Dini”(DIMAI)  Altro Componente  Professore Ordinario  01/B1   01   INF/01   ha aderito 
10. BOREALE   Michele   FIRENZE  Statistica, Informatica e Applicazioni 'G.Parenti' (DISIA)  Componente del gruppo dei 16  Professore Associato confermato  01/B1   01   INF/01   ha aderito 
11. BRUNETTI   Sara   SIENA  Ingegneria dell’Informazione e Scienze Matematiche  Componente del gruppo dei 16  Ricercatore confermato  01/B1   01   INF/01   ha aderito 
12. SORBI   Andrea   SIENA  Ingegneria dell’Informazione e Scienze Matematiche  Componente del gruppo dei 16  Professore Ordinario  01/A1   01   MAT/01   ha aderito 
13. SCUTELLA'   Maria Grazia   PISA  INFORMATICA  Componente del gruppo dei 16  Professore Ordinario (L. 240/10)  01/A6   01   MAT/09   ha aderito 
14. FRANGIONI   Antonio   PISA  INFORMATICA  Componente del gruppo dei 16  Professore Ordinario  01/A6   01   MAT/09   ha aderito 
15. CHESSA   Stefano   PISA  INFORMATICA  Componente del gruppo dei 16  Professore Associato (L. 240/10)  01/B1   01   INF/01   ha aderito 
16. DANELUTTO   Marco   PISA  INFORMATICA  Componente del gruppo dei 16  Professore Ordinario (L. 240/10)  01/B1   01   INF/01   ha aderito 
17. PRIAMI   Corrado   PISA  INFORMATICA  Componente del gruppo dei 16  Professore Ordinario (L. 240/10)  01/B1   01   INF/01   ha aderito 


Membri del collegio (Personale non accademico dipendente di altri Enti e Personale docente di Università Straniere)

n. Cognome Nome Ruolo Tipo di ente: Ateneo/Ente di appartenenza Paese Dipartimento/ Struttura Qualifica Codice fiscale SSD Attribuito Area CUN-VQR attribuita N. di Pubblicazioni (*)
1. BAEZA YATES  RICARDO  Altro Componente  Università straniera  UNVIERSITAT POMPEU FABRA  Spagna  DTIC  Professore di Univ.Straniera  BZYRRD61C21Z603R  INF/01  01  10 
2. CIARAMITA  MASSIMILIANO  Altro Componente  Impresa che svolge attiv. di ric. e svil.  GOOGLE  Svizzera  Google Zurich  Esperti di cui all’art. 6, c.4  CRMMSM68C18H501O  INF/01  01  0 
3. DAS  SAJAL  Altro Componente  Università straniera  MISSOURI UNIVERSITY OF SCIENCE AN TECHNOLOGY  Stati Uniti d'America  Computer Science  Professore di Univ.Straniera    INF/01  01  70 
4. FRAIGNIAUD  PIERRE  Altro Componente  Università straniera  UNIVERSITY OF PARIS DIDEROT  Francia  Institut de Recherche en informatique fondamentale IRIF  Professore di Univ.Straniera    INF/01  01  15 
5. GNESI  STEFANIA  Altro Componente  Ente di ricerca (VQR)  Consiglio Nazionale delle Ricerche  Italia  isti  Dirigenti di ricerca  GNSSFN54L61E625P  INF/01  01  10 
6. GUTTMAN  JOSHUA  Altro Componente  Università straniera  WORCESTER POLYTECHNIC INSTITUTE  Stati Uniti d'America  Computer Science  Professore di Univ.Straniera    INF/01  01  4 
7. HILLSTON  JANE  Altro Componente  Università straniera  UNIVERSITY OF EDINBURGH  Regno Unito  lfcs Collegeof Sicence and Engineering  Professore di Univ.Straniera    INF/01  01  13 
8. LEYMANN  FRANK  Altro Componente  Università straniera  UNIVERSITY OF STUTTGART  Germania  institute of Architecture of Application Systems  Professore di Univ.Straniera  LYMFNK57P25Z112U  INF/01  01  9 
9. LIBERTI  LEO  Altro Componente  Università straniera  ECOLE POLYTECHNIQUE  Francia  CNRS LIX  Dirigenti di ricerca    INF/01  01  27 
10. MARTINELLI  FABIO  Altro Componente  Ente di ricerca (VQR)  Consiglio Nazionale delle Ricerche  Italia  IIT PISA  Dirigenti di ricerca  MRTFBA69S07A390U  INF/01  01  17 
11. PALAMIDESSI  CATUSCIA  Altro Componente  Università straniera  ECOLE POLYTECHNIQUE - PARIS (FRANCIA)  Francia  CNRS LIX  Dirigenti di ricerca  PLMCSC59S51D815T  FIS/01  01  7 
12. SANTI  PAOLO  Altro Componente  Ente di ricerca (VQR)  Consiglio Nazionale delle Ricerche  Italia  IIT PISA  Primi ricercatori  SNTPLA71E31E715T  INF/01  01  18 
13. SCOPIGNO  ROBERTO  Altro Componente  Ente di ricerca (VQR)  Consiglio Nazionale delle Ricerche  Italia  ISTI PISA  Dirigenti di ricerca  SCPRRT60L20H501Z  INF/01  01  28 


(*) se è di un settore bibliometrico, inserire il numero di prodotti pubblicati negli ultimi cinque anni (dal 2013 ad ora) su riviste scientifiche contenute nelle banche dati internazionali “Scopus” e “Web of Science”
(*) se è di un settore non bibliometrico, inserire il numero di prodotti pubblicati negli ultimi dieci anni (dal 2008 ad ora) in riviste di classe A




Principali Atenei e centri di ricerca internazionali con i quali il collegio mantiene collaborazioni di ricerca (max 5) con esclusione di quelli di cui alla sezione 1

n. Denominazione Paese Tipologia di collaborazione
1. ECOLE POLYTECHNIQUE - PARIS  Francia  (max 500 caratteri)
Ricerca e periodi di studio dei dottorandi anche nell’ambito di progetti congiunti (H2020-MSCA-ITN-2017); co-tutele
 
2. ETH ZURICH  Svizzera  (max 500 caratteri)
Ricerca e periodi di studio dei dottorandi anche nell’ambito di progetti congiunti tra cui il progetto dell’Infrastruttura europea sui Big Data, in collaborazione con vari altri partners EU - Progetto EU H2020 Infrastruttura di Ricerca europea “SoBigData: Social Mining & Big Data Ecosystem” (INFRAIA-1-2014-2015, agreement #654024).
 
3. GOOGLE RESEARCH - ZURICH  Svizzera  (max 500 caratteri)
Collaborazioni scientifiche nell’ambito di progetti congiunti e Google Faculty Awards, sui temi della Web Search e Data Compression; inoltre diversi dottorandi hanno svolto e svolgono annualmente delle internship.
 
4. MIT CAMBRIDGE  Stati Uniti d'America  (max 500 caratteri)
Esiste un accordo formale dal 2012 nell’ambito della collaborazione MIT-UniPI Project per lo scambio di ricercatori, post-doc e dottorandi. Si segnala in particolare il coinvolgimento del MIT Senseable City Lab ove è research scientist un membro del collegio (dott. Santi). Il promotore di questa iniziativa congiunta tra UniPI e MIT è stato un membro del collegio di dottorato (Prof. Ferragina).
 
5. STANFORD UNIVERSITY  Stati Uniti d'America  (max 500 caratteri)
UniPI ha firmato recentemente un accordo con Stanford per sviluppare ricerche multidisciplinari congiunte, formazione e mentorship (anche per i dottorandi), sui temi della ricerca traslazionale e dell’innovazione nello sviluppo di farmaci e nella medicina personalizzata, basati su strumenti computazionali avanzati. L’accordo include SPARK, una partnership tra Stanford e industrie biomediche, farmaceutiche e tecnologiche. Il promotore di questa iniziativa è un membro del collegio, Prof. Priami.
 


Descrizione della situazione occupazionale dei dottori di ricerca che hanno acquisito il titolo negli ultimi tre anni

(max 1.500 caratteri)
La situazione occupazionale dei 37 dottori di ricerca in Informatica che hanno acquisito il titolo dall'anno 2015 è la seguente: 6 lavorano in imprese internazionali: p.e. Google (Zurigo, Svizzera), IBM TJ Watson (USA); 5 occupano una posizione di post-doc o assistant professor o prof/ric presso Università straniere; 5 lavorano presso aziende italiane; 1 dottore di ricerca ha fondato una spin-off di successo, con sedi a Pisa e Londra: BioBeats; 16 sono post-doc, assegnisti o ricercatori (TD) presso Università o enti di ricerca italiani. Di 4 dottorandi non siamo riusciti a individuare la loro collocazione lavorativa attuale.
dati di Ateneo: Di seguito i risultati delle 32 interviste effettuate da AlmaLaurea su una popolazione di 52 Dottori di ricerca dell’Area delle Scienze di Base:
- 27 dottori sono occupati sotto forma di:Tempo indeterminato 15,4%; Borsa post-doc, di studio o di ricerca 15,4%; Assegno di ricerca 30,8%; Non standard 38,5%.
- Nel settore Pubblico 65,40% Privati 34,60%.
- Occupati nel ramo Istruzione e ricerca: Università 53,30% Istituto di ricerca 20% Altro ente o azienda 26,70%
- Svolgimento di attività di ricerca nel proprio lavoro: In misura elevata 60% In misura ridotta 24% Per niente 16%
- Retribuzione media: Uomini 1.866 Donne 1.268


Note

(MAX 1.000 caratteri):
Si segnalano altre affiliazioni dei membri del collegio:
-Prof. Grossi affiliazione ERABLE Team, INRIA Rhone Alpes (FR)
-Dott. Santi affiliazione MIT (Cambridge) come Visiting Research Scientist.
-Prof. Baeza-Yates anche CTO società NTENT (California) e Professore c/o Università del Cile.
-Prof. Guttman Senior anche Principal Scientist c/o società “The MITRE Corporation” (MA, USA)

Il dott. Ciaramita, con pubblicazioni=0, è staff research scientist e team manager c/o Google Research (CH), Lecturer presso ETH Zurigo, scienziato rinomato nel settore del Natural Language Processing con diverse pubblicazioni su conferenze internazionali prestigiose (indicizzate da Scopus). E’ infatti frequente nei ricercatori industriali del nostro settore pubblicare solo sui proceedings di conferenze rinomate e con revisori anonimi.

Inoltre il corso ha in atto una cotutela con la Universidad Federal de Pernambuco (Brasile)e una cotutela con L'Ecole Polytechnique (Francia)

3. Eventuali curricula
Curriculum dottorali afferenti al Corso di dottorato
La sezione è compilabile solo se nel punto "Corso di Dottorato" si è risposto in maniera affermativa alla domanda "Presenza di eventuali curricula?"


Note


4. Struttura formativa

Attività didattica disciplinare e interdisciplinare

Insegnamenti ad hoc previsti nell'iter formativo Tot CFU: 180  n.ro insegnamenti: 20  di cui è prevista verifica finale: 20 
Insegnamenti mutuati da corsi di laurea magistrale SI  n.ro: 8  di cui è prevista verifica finale: 8 
Insegnamenti mutuati da corsi di laurea (primo livello) NO     
Cicli seminariali SI 
Soggiorni di ricerca SI  ITALIA- al di fuori delle istituzioni coinvolte
ESTERO nell’ambito delle istituzioni coinvolte
ESTERO - al di fuori delle istituzioni coinvolte
 
Periodo medio previsto (in mesi per studente): 6 


Descrizione delle attività di formazione di cui all’art. 4, comma 1, lett. f)

Tipologia  Descrizione sintetica (max 500 caratteri per ogni descrizione)
Linguistica Attività di perfezionamento linguistico c/o il Centro Lingu.Ateneo. Per i dottorandi I anno, disponibili 8 corsi di Academic English C1 per acquisizione delle strutture linguistiche fondamentali per scrittura/pubblicazione di articoli scientifici in lingua e abilità linguistiche utili nella partecipazione interattiva in contesti accademici internazionali; fornisce conoscenze su soft skills (lavorare in team, sviluppare pensiero critico, capacità sociali, comunicaz. interpers., flessibilità). 
Informatica L'informatica fa già parte delle competenze di base dell'allievo del dottorato la cui preparazione di base viene accertata in fase di selezione. In ogni caso i dottorandi, per integrare le loro conoscenze possono partecipare a un workshop su “Servizi informatici a supporto del Dottorato" 
Gestione della ricerca, della conoscenza dei sistemi di ricerca e dei sistemi di finanziamento “PhD+: Valorizzazione della ricerca, Innovazione e Spirito imprenditoriale”: seminari interattivi, attività di coaching/mentoring su progetti imprenditoriali con esperti internaz. in innovazione e trasferimento tecnologico; riconosciuto per completamento dei corsi seminariali previsti dal Corso.
Progetto Contamination Lab volto alla formazione alla cultura imprenditoriale (self-entrepreneurship). Workshop e poster session su prodotti della ricerca e su opportunità di mobilità intern.
 
Valorizzazione dei risultati della ricerca e della proprietà intellettuale 1. Disponibilità di un ufficio di Trasferimento Tecnologico
2. Corso“PhD+: Valorizzazione della ricerca,Innovazione e Spirito imprenditoriale” (vedi sopra)
3. Corso trasv. dedicato ai dottorandi:“Prodotti della ricerca: diffusione e valorizzazione”
4. Personal Branding:valorizzazione delle competenze
5. Dottorato e “gender issues”:opportunità,funding,ICT e progettazione europea in materia
6. realizzazione di Lab.sulla ric. trasv.a più dottorati
7. stage/internship presso aziende(inter-)nazionali
 


Note

(MAX 1.000 caratteri):
1. Il dottorando titolare di borse Regione Toscana Pegaso soggiorna obbligatoriamente almeno 6 mesi (o 12) all’estero.
2. Le attività formative trasversali su indicate riguardano:
Prodotti della ricerca: diffusione e valorizzazione: Cosa è un prodotto della ricerca; Citazione bibliografica e principali indicatori bibliometrici; Principali database citazionali; Filosofia dell’open access: normativa e linee guida di ateneo; ARPI: finalità e uso
Personal Branding. Strategia per valorizzare capacità e competenze
Dottorato e "gender issues": analisi dei dati/monitoraggio delle carriere, attenzione a carriere in ambito scientifico-tecnologico. Lo strumento del bilancio di genere nelle Università: funzioni/ esperienze realizzate. ICT e donne: stereotipi e trasformazioni nella formazione nell'ambito delle tecnologie; opportunità funding Horizon 2020 e ERC. Discipline giuridiche e umanistiche su studi di genere: "genderizzazione" dei contenuti della ricerca nelle scienze umane e sociali

5. Posti, borse e budget per la ricerca

Posti, borse e budget per la ricerca

Descrizione Ciclo 34° Anagrafe dottorandi (33°) Ciclo 33°
A - Posti banditi
(messi a concorso)
 
1. Posti banditi con borsa   N. 13  13  12  
2. Posti coperti da assegni di ricerca   N. 0  0   
3. Posti coperti da contratti di apprendistato   N. 0  0   
Sub totale posti finanziati (A1+A2+A3)   N. 13  N. 13  N. 12 
4. Eventuali posti senza borsa   N. 4  2  4  
B - Posti con borsa riservati a laureati in università estere   N. 0  0  1  
C - Posti riservati a borsisti di Stati esteri   N. 0  0   
D - Posti riservati a borsisti in specifici programmi di mobilità internazionale   N. 0  0   
E - Posti riservati a dipendenti di imprese impegnati in attività di elevata qualificazione (dottorato industriale) o a dipendenti di istituti e centri di ricerca pubblici impegnati in attività di elevata qualificazione (con mantenimento di stipendio)   N. 0  0   
F - Posti senza borsa riservati a laureati in Università estere   N. 0  0   
TOTALE = A + B + C + D + E + F   N. 17  N. 15  N. 17 
DI CUI CON BORSA = TOTALE – A4 - F   N. 13  N. 13  N. 13 
Importo della borsa
(importo annuale al lordo degli oneri previdenziali a carico del percipiente)
 
Euro: 15.343,28     
Budget pro-capite annuo per attività di ricerca in Italia e all’Estero
(a partire dal secondo anno, in termini % rispetto al valore annuale della borsa al lordo degli oneri previdenziali a carico del percipiente)
 
(min 10% importo borsa): 10,00     
Importo aggiuntivo alla borsa per mese di soggiorno di ricerca all’estero
(in termini % rispetto al valore mensile della borsa al lordo degli oneri previdenziali a carico del percipiente)
 
(MAX 50% importo borsa): 50,00     
BUDGET complessivamente a disposizione del corso per soggiorni di ricerca all'estero
(importo lordo annuale comprensivo degli oneri previdenziali a carico del percipiente)
 
Euro: 99.731,32     
Eventuali note:
(max 500 caratteri)
Art.11 regolamento UNIPI ammessi senza borsa in sovrannumero: borsisti in specifici programmi di mobilità internaz. previa verifica congruità tema di ricerca/tematiche corso; borsisti di Stati esteri previa verifica preparazione scientifica, esperienza pregressa; assegnisti di ricerca; dipendenti pubblici; candidati con rapporto formalizzato con enti convenzionati con UNIPI (CNR;Fondazione Stella Maris).
 


Fonti di copertura del budget del corso di dottorato (incluse le borse)

FONTE  Importo (facoltativo) Descrizione Tipologia
(max 200 caratteri)
Fondi Ministeriali   Borse di dottorato 
Progetti competitivi o fondi messi a disposizione dal proponente   Eventuali borse di dottorato finanziate dal Dipartimenti sede amm/va del dottorato; 10% per i soli posti senza borsa (dal II anno) 
Fondi di ateneo   Borse di dottorato; maggiorazione estero 50%; incremento del 10% dal II anno per borsisti; multi fondo di Ateneo messo a disposizione del dipartimento sede del corso 
Finanziamenti esterni   Eventuali borse comprensive di maggiorazione estero del 50% e dell’incremento del 10% dal II anno 
Altro    


Note


6. Strutture operative e scientifiche

Strutture operative e scientifiche

Tipologia Descrizione sintetica (max 500 caratteri per ogni descrizione)
Attrezzature e/o Laboratori   Informatici.Si segnala anche l’IT Center Unipi,presieduto fino al 2016 da Paolo Ferragina; è un centro inter-dipartimentale ove è possibile sperimentare e fare ricerca su HW-SW allo stato dell’arte. E’Competence Center Dell worlwide e ha convenzioni con Intel, Microsoft,VMware, Redhat,Openstack,Nutanix,Cloudera,ecc..L’IT Center è un’infrastruttura fondamentale per svolgere ricerche su Big Data,Industria 4.0 e Life Science,su cui si sono concentrate e si concentrano varie tesi di dottorato. 
Patrimonio librario   consistenza in volumi e copertura delle tematiche del corso   Il patrimonio librario:
- 1.235.570 volumi, inseriti nel catalogo online di Ateneo, ricercabili e interrogabili da utenti in qualunque momento e da qualunque postazione interna ed esterna all’Ateneo
- copre tutte le aree tematiche presenti nell’offerta didattica. Per SMNF 95.750 volumi.Il suddetto patrimonio, collocato in 15 biblioteche dislocate, è pressoché interamente accessibile a scaffale aperto e quindi direttamente consultabile dagli utenti e disponibile per il prestito.
 
abbonamenti a riviste (numero, annate possedute, copertura della tematiche del corso)   Il patrimonio di riviste ammonta a 27.997 titoli, di cui 2.139 abbonamenti in corso, per un numero totale di 450.785 annate. Tutte le riviste sono presenti nel catalogo nazionale dei periodici ACNP e quindi, consultabili e ricercabili online in qualunque momento e da qualunque postazione, sia interna che esterna all’Università.
La copertura tematica per le aree disciplinari offerte dall’Università di Pisa. Per SMNF è articolata in: 4.292 titoli, di cui 174 attivi, e n. 77.498 annate
 
E-resources   Banche dati (accesso al contenuto di insiemi di riviste e/o collane editoriali)   L’Ateneo rende disponibili l’accesso a livello campus di numerose banche dati bibliografiche e full text. Le riviste online ammontano a ca 40.000 titoli. n.15 Banche dati di carattere specialistico. N.9 banche dati di carattere specialistico (vedi campo Altro/Note).Banche dati bibliografiche; Web of Knowledge, Scopus per ricerche bibliografiche e valutazione della ricerca. 
Software specificatamente attinenti ai settori di ricerca previsti   •• ACM Digital Library,
• IEL,
• MathSciNet
• Norme tecniche CEI
• Norme tecniche EN
 
Spazi e risorse per i dottorandi e per il calcolo elettronico   Accesso libero a tutti gli spazi e le risorse delle strutture del corso tra cui il Polo del Sistema informatico Dipartimentale che organizza, gestisce ed eroga i servizi informatici e di rete deputati al supporto anche delle attività della didattica e della ricerca dei dipartimenti di riferimento: Polo 2 Area Fibonacci. Spazi accessibili alle biblioteche per i dottorandi dell’area SMNF n. 338 posti 
Altro   Le strutture operative e scientifiche disponibili sono quelle dei 3 atenei convenzionati (Università di Pisa, Università degli studi di Firenze, Università degli studi di Siena).
Contratti multidisciplinari dei editori scientifici internazionali: Cambridge University Press Journals, JSTOR, Nature, Oxford University Press Journals, Science, Science Direct, SpringerLink, Taylor & Francis Journals, Wiley Online Journals
 


Note

(MAX 1.000 caratteri):
Le banche dati, il cui contenuto è di interesse prevalente per Scienze matematiche, fisiche e della natura:
• ACM
• ACS (American Chemical Society)
• AIP (American Institute of Physics)
• Allen Press Journals
• American Society of Plant Biologists (ASPB)
• APS (American Physical Society)
• Chemspider
• Ecological Society of America Journals Online
• EDP Sciences
• Geological Society of America
• IEL
• MathSciNet
• Schweizerbart and Borntraeger science
• SciFinder
• The Lyell Collection

7. Requisiti e modalità di ammissione

Requisiti richiesti per l'ammissione

Tutte le lauree magistrali: SI, Tutte 
se non tutte, indicare quali:  
Altri requisiti per studenti stranieri: (max 500 caratteri):
No
 
Eventuali note  


Modalità di ammissione

Modalità di ammissione
Titoli
Prova orale
Lingua
Progetto di ricerca
 
Per i laureati all'estero la modalità di ammissione
è diversa da quella dei candidati laureati in Italia?
NO 
se SI specificare:  


Attività dei dottorandi

È previsto che i dottorandi possano svolgere attività di tutorato SI
 
 
È previsto che i dottorandi possano svolgere attività di didattica integrativa SI
 
Ore previste: 20 


Note

(MAX 1.000 caratteri):
20 ore per anno accademico come previsto dal dottorato



Dottorato innovativo a caratterizzazione internazionale

• Dottorato in collaborazione con Università e/o enti di ricerca esteri   SI
 
Motivazione:
Esistono 3 convenzioni: Singapore University of Technology and design (SUTD), MIT di Cambridge (USA), Stanford University (USA); queste prevedono lo scambio di dottorandi e post-doc per periodi di ricerca e stage all'estero, e per lo sviluppo di progetti di ricerca congiunti in vari ambiti tra cui Industria 4.0, Big Data e applicazioni dell'Informatica alle scienze -omics (p.e. medicina personalizzata). Si segnalano anche le convenzioni con Univ. Nova Lisbona per il conseguimento del titolo di Doctor Europaeus, e gli accordi con China Scholarship Council, per l'iscrizione ai dottorati dell'Università di Pisa, e con Beijing per la mobilità dei dottorandi.
 
• Dottorato relativo alla partecipazione a bandi internazionali (e.g. Marie Skłodowska Curie Actions, ERC)   SI   
• Collegio di dottorato composto per almeno il 25% da docenti appartenenti a qualificate università o centri di ricerca stranieri   SI   
• Presenza di eventuali curricula in collaborazione con Università/Enti di ricerca estere e durata media del periodo all'estero dei dottori di ricerca pari almeno a 12 mesi   NO
 
 
• Presenza di almeno 1/3 di iscritti al Corso di Dottorato con titolo d'accesso acquisito all'estero ***   NO   


Dottorato innovativo a caratterizzazione intersettoriale

• Dottorato in convenzione con Enti di Ricerca   SI
 
Motivazione:
Il dottorato fruirà di 3 borse finanziate da due istituti del CNR di Pisa (ISTI e IIT). In particolare una di queste sarà su un tema rientrante nell’ambito Industria 4.0. Le altre due borse saranno sul tema generale Informatica e quindi risulteranno intersettoriali in quanto il tema è intersettoriale di fatto per le sue molteplici applicazioni trasversali.
 
• Dottorato in convenzione con le imprese o con enti che svolgono attività di ricerca e sviluppo   SI
 
Motivazione:
Il bando H2020 "MINOA" - Mixed-Integer Nonlinear Optimization Applications (Innovative Training Networks, Grant Agreement No. 764759, call H2020-MSCA-ITN-2017) include 9 università europee, due enti di ricerca (CNR IT, e CNRS FR), e due aziende (IBM France SA, MAIOR srl)

Si noti che il dottorato intrattiene collaborazioni con due aziende spin-off ante-litteram del Dipartimento di Informatica di Pisa: LIST e MAIOR che hanno oggi sedi internazionali e hanno collaborato spesso ad attività di formazione e tesi di dottorato.
 
• Dottorato selezionato su bandi internazionali con riferimento alla collaborazione con le imprese   SI
 
Motivazione:
Il bando H2020 "MINOA" - Mixed-Integer Nonlinear Optimization Applications (Innovative Training Networks, Grant Agreement No. 764759, call H2020-MSCA-ITN-2017) include 9 università europee, due enti di ricerca (CNR IT, e CNRS FR), e due aziende (IBM France SA, MAIOR srl)
 
• Dottorati inerenti alle tematiche dell’iniziativa “Industria 4.0  SI
 
Motivazione:
Il dottorato già dispone di una borsa finanziata dal CNR di Pisa (ISTI) sul tema “interazione uomo-robot” che quindi rientra perfettamente nell’ambito Industria 4.0. Stessa cosa dicasi per l’ITN MINOA del bando H2020 su menzionata che riguarda i temi della logistica e big data. Sempre relativo alla tematica BigData/I4.0 si ricorda la partecipazione di membri del collegio e altri docenti dei dipartimenti coinvolti nell’Infrastruttura di Ricerca europea SoBigData (INFRAIA-1-2014-2015, agreement #654024)

Infine è evidente che
l'Informatica sia una disciplina abilitante per I4.0 e
infatti molti studi effettuati nel dottorato, dai membri del
Collegio, e nelle strutture afferenti, sono dei pillar
scientifici e tecnologici per essa
 
• Presenza di convenzione con altri soggetti istituzionali su specifici temi di ricerca o trasferimento tecnologico e che prevedono una doppia supervisione   SI
 
Motivazione:
Esistono 3 convenzioni in atto: Singapore University of Technology and design (SUTD), MIT di Cambridge (USA), Stanford University (USA). Queste prevedono lo scambio di dottorandi e post-doc per periodi di ricerca e stage all’estero, e per lo sviluppo di progetti di ricerca congiunti in vari ambiti tra cui Industria 4.0, Big Data e applicazioni dell’Informatica alle scienze -omics (p.e. medicina personalizzata) possibilmente nell’ambito di tesi di dottorato.
 


Dottorato innovativo a caratterizzazione interdisciplinare

• Dottorati (con esclusione di quelli suddivisi in curricula) con iscritti provenienti da almeno 2 aree CUN, rappresentata ciascuna per almeno il 30% (rif. Titolo LM o LMCU )   NO   
• Corsi appartenenti a Scuole di Dottorato che prevedono contestualmente ambiti tematici relativi a problemi complessi caratterizzati da forte multidisciplinarità   NO
 
 
• Dottorati inerenti alle tematiche dei

Big Data
, relativamente alle sue metodologie o applicazioni
 
SI
 
Motivazione:
Il Dipartimento di Informatica di Pisa è partner
del progetto SoBigData.eu che costituisce una
delle Research Infrastructure Europee sui Big
Data, in questo caso sui dati sociali (H2020
Infraia 2014-15: grant # 654024). Inoltre è partner dell’ITN MINOA del bando H2020 su menzionata che riguarda i temi della logistica e big data. Va da sé che tutte le strutture proponenti questo dottoratoportano avanti da alcuni anni numerosi progetti di ricerca nazionale e internazionale, nonché progetti finanziati da aziende prestigiose (qualiGoogle, Bloomberg, ST Microelectronics, IBM,ecc…) che vertono su temi anche multi-disciplinari (come quelli indicati nei box precedenti), legati ai Big Data e coinvolgono in queste numerosi prof/ric e, di conseguenza,anche i loro dottorandi.
Si fa presente che il Dip. Statistica, Informatica e Applicazioni “G. Parenti” è un Dipartimento di Eccellenza del MIUR con un progetto proprio sulla tematica dei “Big Data
 
• Dottorati che rispondono congiuntamente ai seguenti criteri      
presenza nel Collegio di Dottorato di docenti afferenti ad almeno due aree CUN, rappresentata ciascuna per almeno il 20% nel Collegio stesso   NO   
somma degli indicatori (R + X1 + I) almeno pari a 2,8 per ciascuna area   (dato disponibile successivamente alla valutazione di ANVUR)   
presenza di un tema centrale che aggreghi coerentemente discipline e metodologie diverse, anche con riferimento alle aree ERC   SI  Motivazione:
Il dottorato in Informatica incardina la propria formazione e ricerca nel settore PE6 (“Informatica e scienza dei calcolatori: informatica e sistemi informativi, scienza dei calcolatori, calcolo scientifico, sistemi intelligenti”) con una importante spinta agli sviluppi multidisciplinari di cui l’informatica risulta essere motore e collante tra le varie discipline. Tra questi citiamo certamente Big Data, Digital Health e Bioinformatica, Industria 4.0. Il mondo produttivo nazionale e internazionale richiede sempre più figure multidisciplinari in grado di dialogare con molti attori e di coordinare gruppi di lavoro composti da persone con differente formazione. Per questo motivo il nostro dottorato aggrega coerentemente discipline e metodologie diverse prevedendo applicazioni in varie altre aree ERC quali le scienze sociali, economiche e umanistiche (principalmente SH1-4) e le scienze della vita (principalmente LS2, LS5, LS7 e LS9).
 


Chiusura proposta e trasmissione: 23/03/2018


.